Difference between revisions of "O sia tranquillo il mare o pien d'orgoglio (Claudio Monteverdi)"

From ChoralWiki
Jump to navigation Jump to search
m (Text replace - ''''Copyright:''' <br>' to '{{Copy|CPDL}}')
(Original Italian text)
Line 22: Line 22:
 
==Original text and translations==
 
==Original text and translations==
  
{{NoText}}
+
{{Text|Italian}}
 +
<poem>
 +
Alcun non mi consigli,
 +
se ben il cor perdei,
 +
ch'abbandonai colei
 +
ch'è la mia vita, ancor che cruda e fera:
 +
che se ben vuol ch'io pera
 +
e che la speme mia ne port'il vento,
 +
non me n'adiro, no,
 +
non me ne doglio, no, non me ne pento.
  
 +
Ben s'affatica invano
 +
chi m'addita il mio male;
 +
e 'l contrastar non vale
 +
che beltà, ch'è severa, un cor diletta.
 +
Sì dolce è la saetta
 +
che, se ben brama il cor fiamma e tormento,
 +
non me n'adiro, no,
 +
non me ne doglio, no, non me ne pento.
 +
 +
Perché lo stral di morte
 +
esce dagl'occhi belli,
 +
perché gl'aurei capelli
 +
son la cantena e quel tenace nodo
 +
in cui stretto mi godo,
 +
e perché se le piace il mio lamento,
 +
non me n'adiro, no,
 +
non me ne doglio, no, non me ne pento.
 +
</poem>
  
 
[[Category:Sheet music]]
 
[[Category:Sheet music]]

Revision as of 18:08, 6 December 2008

Music files

L E G E N D Disclaimer How to download
ICON SOURCE
File details.gif File details
Question.gif Help


Editor: Björn Sothmann (added 2004-06-07).   Score information: A4, 6 pages, 32 kbytes   Copyright: CPDL
Edition notes:

General Information

Title: O sia tranquillo il mare o pien d'orgoglio
Composer: Claudio Monteverdi

Number of voices: 2vv  Voicing: TT
Genre: Secular, Madrigals

Language: Italian
Instruments: Basso continuo
Published: 8th Book of Madrigals

Description:

External websites:

Original text and translations

Italian.png Italian text

Alcun non mi consigli,
se ben il cor perdei,
ch'abbandonai colei
ch'è la mia vita, ancor che cruda e fera:
che se ben vuol ch'io pera
e che la speme mia ne port'il vento,
non me n'adiro, no,
non me ne doglio, no, non me ne pento.

Ben s'affatica invano
chi m'addita il mio male;
e 'l contrastar non vale
che beltà, ch'è severa, un cor diletta.
Sì dolce è la saetta
che, se ben brama il cor fiamma e tormento,
non me n'adiro, no,
non me ne doglio, no, non me ne pento.

Perché lo stral di morte
esce dagl'occhi belli,
perché gl'aurei capelli
son la cantena e quel tenace nodo
in cui stretto mi godo,
e perché se le piace il mio lamento,
non me n'adiro, no,
non me ne doglio, no, non me ne pento.