Dunque Clorida (Giovanni Girolamo Kapsperger)

From ChoralWiki
Jump to: navigation, search

Music files

L E G E N D Disclaimer How to download
ICON SOURCE
Icon_pdf.gif Pdf
Icon_snd.gif Midi
MusicXML.png MusicXML
Finale.png Finale
File details.gif File details
Question.gif Help
  • (Posted 2013-02-26)   CPDL #27376:        (Finale 2008)
Editor: André Vierendeels (submitted 2012-10-18).   Score information: A4, 2 pages, 29 kB   Copyright: CPDL
Edition notes: MusicXML source file is in compressed .mxl format.

General Information

Title: Dunque Clorida
Composer: Giovanni Girolamo Kapsperger

Number of voices: 2vv   Voicing: SS
Genre: SecularLute song

Language: Italian
Instruments: Basso continuo

First published: 1619 in Libro secondo di villanelle, no. 12

Description:

External websites:

Original text and translations

Italian.png Italian text

Dunque Clorida mia per questi prati,
più non vedrem la tua beltà risplendere,
e quei begl'occhi mati,
altro seno altro cor dovranno accendere.
Ahi ch'a pensarvi i sent'ornai risolvere
l'anima in gelo, e'l cor in fredda polvere.

Deh mia Clorida non partir ancora,
pargolett'amorosa e troppo rigida,
sent'il duol ch'e m'accora,
se non sei vie più che scoglio frigida.
De ferma il piede in questa riva florida
moss'a pietade, o mia selvaggia Clorida.

Deh mira come al suon di rauca lira,
ti chiam'il tuo fedel afflitto e debile,
o di come sospira,
di questo rivo il mormorar' si flebile.
Arresta i passi ah non fuggir aspettami
che perduta beltà, vie più saettami.

Ma tu pieghi crudel' orrecchie al ronde,
ne par quest'occhi miri un fonte piovere,
ma se del pianto l'onde,
non ti può bella fera oggi commovere.
L'alma vedrai che qui volesti uccidere
se stess'al fin, dal suo morral diridere.