Madonna, Sua mercè, pur una sera (Michel' Angelo Cancineo)

From ChoralWiki
Jump to navigation Jump to search

Music files

L E G E N D Disclaimer How to download
ICON SOURCE
Icon_pdf.gif Pdf
Icon_snd.gif Midi
MusicXML.png MusicXML
File details.gif File details
Question.gif Help
  • (Posted 2020-03-04)   CPDL #57369:       
Editor: Willem Verkaik (submitted 2020-03-04).   Score information: Letter, 3 pages, 286 kB   Copyright: CPDL
Edition notes: MusicXML source file(s) is (are) in compressed .mxl format.

General Information

Title: Madonna, Sua mercè, pur una sera
Composer: Michel' Angelo Cancineo
Lyricist: Jacopo Sannazaro

Number of voices: 5vv   Voicing: SAATB
Genre: SecularMadrigal

Language: Italian
Instruments: A cappella

First published: 1590 in Il primo libro de madrigali à 4-6 et 8 voci, no. 18

Description: The fifth part of a Sestina entitled "Sincero solo". The other parts can be found at Il primo libro de madrigali à 4-6 et 8 voci (Michel' Angelo Cancineo)

External websites:

Original text and translations

Italian.png Italian text

Sincero solo

   Come notturno augel, nemico al sole,
Lasso vo io per luoghi oscuri e ri e foschi
Mentre scorgo il dì chiaro in su la terra;
Poi quando al mondo sopravien la sera
Non com’altri animai m’acqueta il sonno
Ma all'hor mi desto a pianger per le piagge.

   Se mai quest’occhi tra boschetti o piagge,
ove no splenda con suoi raggi il sole,
stanchi di lacrimar mi chiude il sonno,
visïon crude et error vani e foschi
m’attristan sì ch’io già pavento a sera,
per tema di dormir, gittarmi in terra.

   O madre universal, benigna Terra,
fia mai ch’io posi in qualche verdi piagge,
tal che m’addorma in quella ultima sera,
e non mi desti mai, per fin che ’l sole
vegna a mostrar sua luce agli occhi foschi
e mi risvegli da sì lungo sonno?

   Dal dì che gli occhi miei sbandiro il sonno
il letticciuol lasciai per starmi in terra,
i dì seren mi fur turbidi e foschi,
campi di stecchi le fiorite piagge;
tal che quando a’ mortali aggiorna il sole
a me si oscura in tenebrosa sera.

   Madonna, Sua mercé, pur una sera
gioiosa e bella assai m’apparve in sonno
e rallegrò il mio cor, sì come il sole
suol dopo pioggia disgombrar la terra,
dicendo a me: - Vien, cogli a le mie piagge
qualche fioretto, e lascia gli antri foschi. –

   Fuggite omai, pensier noiosi e foschi,
che fatto avete a me sì lunga sera;
ch’io vo’ cercar le apriche e liete piagge,
prendendo in su l’erbetta un dolce sonno;
perché so ben ch’uom mai, fatto di terra,
più felice di me non vide il sole.

   Canzon, di sera in orïente il sole
vedrai, e me sotterra ai regni foschi,
prima che ’n queste piagge io prenda sonno.

Jacopo Sannazaro, from Arcadia